Autore: Redazione

Il faro

Il faro

I mattoni cominciarono a venir giù mentre dormivo. Ebbi il tempo di alzarmi e correre, riuscii ad afferrare abiti e scarpe dalla sedia. Polvere e calcinacci mi cadevano addosso. Una trave precipitò sulla rampa di scale che avevo appena superato….

La bestia

La bestia

Simona a tutto pensò quella mattina, a una zuffa di gatti in amore, a un trekker che s’era perso, ai ladri, a un ubriaco, persino al suo ormai ex marito che, mosso da un’insospettabile moto di empatia, era passato ad…

In nessun luogo

In nessun luogo

Un’arancia. Voglio un’arancia, grossa come il mio pugno. Rossa, di quelle dolci e aspre. Fibrosa. La voglio addentare male, così mi rimarranno tutti i fili tra i denti. Il sole è alto in cielo, così alto che mi disorienta. CondividiFacebookTwitterEmailRedditTumblrLinkedin

Patografia in quattro parti

Lo stetoscopio sulla schiena è una conchiglia fredda che si appoggia, ascolta e sonda i polmoni. Stana nei bronchi eventuali grumi da sciogliere. «Respira». Respiro. «Ora respira profondamente». Respiro profondamente. «Di nuovo». Di nuovo. CondividiFacebookTwitterEmailRedditTumblrLinkedin

Torna in alto